domenica 28 aprile 2013

TeleRicordi: Atlas Ufo Robot - Goldrake

ATLAS UFO ROBOT - GOLDRAKE
Correva l'anno 1978 quando viene trasmessa per la prima volta in Italia, su Rai 2,  la serie "Atlas Ufo Robot" nata dall'immaginifico sceneggiatore giapponese Go Nagai, disegnata da Kazuo Komatsubara e Shingo Araki e prodotta dalla Toei.
E' un'autentica rivoluzione: tutti i bambini e i giovani di quel periodo, abituati ai classici cartoni animati con storie soft ed educative o divertenti, scoprono un altro mondo di carta, fatto di fantascienza, complicatissimi robot e battaglie mirabolanti. Forse un genere più in linea con la mentalità giapponese, che con la nostra di allora: sociologi, psicologi, stampa, ecc. all'epoca si mobilitarono contro questo cartone animato, visto come una possibile minaccia allo sviluppo educativo dei bambini.



Actarus
Tanto clamore per nulla, perchè chi è stato bambino in quegli anni non può che ricordare con affetto e nostalgia questa serie, che nulla aveva di scovolgente se non la novità. 
Chi non ha fatto l'immancabile albo delle figurine di Goldrake o non aveva il suo modelino giocattolo dalle lame rotanti?  Essendo una femminuccia, confesso di essermi innamorata a prima vista di Actarus... 

Per avere un'idea del successo di Goldrake, basti pensare che il 45 giri prodotto dalla Fonit Cetra con le sigle della prima serie (firmate con lo pseudonimo Actarus), ottenne addirittura il disco d'oro, superando il milione di copie vendute.

LA STORIA IN BREVE

lunedì 22 aprile 2013

sabato 20 aprile 2013

ANTEPRIMA: La storia di una bottega di Amy Levy

E' appena uscito "La storia di una bottega", prima edizione italiana del romanzo vittoriano The romance of a shop di Amy Levy. 
Si tratta del secondo libro della collana Atlantide per la casa editrice e agenzia letteraria Jo March, a cui si deve la prima ed unica edizione italiana del capovolaro della Gaskell "Nord e Sud" (di cui ho già parlato QUI). 


LA STORIA DI UNA BOTTEGA 
di Amy Levy
(Ed. Jo March)

Trama: Nella Londra di fine Ottocento, le giovani sorelle Lorimer perdono improvvisamente il padre e finiscono sul lastrico. Rifiutandosi di accettare un destino che le vedrebbe tutte divise tra i vari familiari che si sono offerti di dar loro ospitalità e protezione, intraprendono un percorso più complicato e rischioso, che però permette loro di restare insieme e di sopravvivere con le proprie forze. La preziosa eredità che hanno potuto mettere da parte, infatti, non è una somma di denaro bensì la capacità di esercitare l’arte che hanno imparato dal genitore e che intendono coltivare con passione e volontà tanto da farne un mestiere. Tra lo sgomento dei parenti, le quattro donne scelgono di mettere in vendita la grande casa di famiglia e di trasferirsi nell’affollata e viva Baker Street, nel centro di Londra, dove aprono una bottega di fotografia.
Non è facile la vita delle giovani fotografe, presto bersagli di commenti maligni dovuti alle loro necessarie frequentazioni con le botteghe d’arte e gli artisti più in voga. Lacerate dai dubbi, sballottate dai colpi della fortuna, eppure appassionate e tenaci, Gertrude, Lucy, Phyllis e Fanny resistono alle privazioni e alla miseria, conquistandosi uno spazio nella società e difendendo con le unghie la propria indipendenza. Una indipendenza ancora per nulla scontata nella tarda età vittoriana, quando la “new woman” è una creatura ancora sperimentale, che deve lottare per ritagliarsi un proprio spazio nel mondo pubblico.

Leggi un estratto in anteprima 

Data di pubblicazione: 10 aprile 2013.

Amy Levy, originale scrittrice e intellettuale inglese, realizza nel 1888 uno splendido ritratto di donne nuove e moderne, utilizzando una metafora assolutamente calzante, quella della tecnica fotografica. La fotografia imprime, con leggi e codici del tutto nuovi, la realtà stravolgendo per sempre l’arte e il concetto di immagine. Nella stessa misura, le quattro protagoniste, dedite alla nuova tecnica, mostrano uno sguardo nuovo nell’osservare il mondo e nel vagliare le sue possibilità, incarnando così proprio la nuova condizione femminile e adoperando il punto di vista della donna, ovvero di chi notoriamente era precluso alla sfera della produzione artistica e dell’elaborazione intellettuale. 

Amy Levy (1861–1889), scrittrice e poetessa inglese dell’epoca vittoriana. Tra le sue opere, si ricordano: Xantippe and Other Verse (1881), A Minor Poet and Other Verse (1884), The Romance of a Shop (1888), Reuben Sachs: A Sketch (1888), A London Plane-Tree and Other Verse (1889), Miss Meredith (1889).

domenica 14 aprile 2013

TeleRicordi: Survivors - I Sopravvissuti

Molti e molti anni prima del boom del genere distopico, c'erano loro "I Sopravvissuti" che tenevano incollati davanti al televisore tantissimi italiani.
Ero piccolissima ed il ricordo di questa serie è solo una vaga eco di domeniche pomeriggio a casa dei nonni, con i miei genitori, a guardare col fiato sospeso gente che vagava alla ricerca di cibo e di salvezza... ma è soprattutto per questo che mi piace ricordarla per prima, tra quelli che saranno i post, piuttosto nostalgici, di un'epoca più semplice e spensierata e di un immaginario che la rispecchiava.

SURVIVORS – I SOPRAVVISSUTI
Dal creatore di Doctor Who, Terry Nation, è la serie inglese che a fine anni ‘70 ha tenuto col fiato sospeso milioni di spettatori.
La serie fu prodotta per tre stagioni dalla BBC tra il 1975 e il 1977, ma in italia furono trasmesse, e con notevole successo, le sole prime due stagioni (nell'estate del 1976 dalla TSI -il canale della Svizzera Italiana, allora captabile in tutta la Penisola - e nell'inverno 1979 dalla RAI). Ciascun episodio era della durata di 90 minuti, condensando con numerosi tagli più di un episodio originale.

LA TRAMA
In seguito allo scoppio di una terribile pandemia scatenata da un virus concepito in laboratorio, la popolazione umana viene quasi interamente cancellata dal pianeta, fatta eccezione per un esiguo gruppo di sopravvissuti. La serie segue le vicende di questi superstiti, ormai unici abitanti di una terra desolata, che devono provvedere non solamente alla loro sussistenza quotidiana e fronteggiare il morbo non ancora debellato, ma sono costretti a darsi nuove regole per contrastare le forme di prevaricazione e accentramento del potere tipiche di un mondo lasciato al caos.

INTERPRETI E PERSONAGGI  

domenica 7 aprile 2013

Tornano i Vampiri di Chicago

In libreria il sesto capitolo delle vicende di Merit, arguta ed eroica sentinella del Casato Cadogan. Attorniata da affascinanti compagni d'avventura, si troverà ancora una volta coinvolta in imprevedibili pericoli e rischiose missioni: ora dovrà salvare se stessa perchè qualcuno, molto pericoloso, le sta  dando la caccia...

FREDDO TAGLIENTE

di Chloe Neill 
(Ed. Delos Books) 

Trama: Trasformata in vampira contro la sua volontà, la ventottenne Merit ha finito per ambientarsi nel sottobosco vampirico di Chicago, dove ha scoperto che negli esseri soprannaturali c’è più di quanto appaia a prima vista… e che esistono più creature soprannaturali di quante la gente abbia mai immaginato. 
E non tutti i segreti da lei appresi sono condividibili… con umani e non umani. 
Adesso Merit è in caccia attraverso lo spoglio Midwest americano, sulle tracce di un essere soprannaturale ribelle deciso a rubare un antico manufatto che potrebbe scatenare mali catastrofici nel mondo. Merit è però anche una preda. Un nemico di Chicago sta dando a sua volta la caccia proprio a lei, e non si fermerà davanti a niente per impadronirsi del libro. Senza pietà.
È uno scontro senza regole, senza misericordia. La corsa ha avuto inizio. 

Serie "Vampiri di Chicago", Vol. 6. 

Data di pubblicazione: fine marzo 2013. 

Chloe Neill è nata e cresciuta nel Sud, ma ora vive nel Midwest, abbastanza vicino alla Casa dei Cadogan per tenere d’occhio i suoi vampiri. Quando non sta scrivendo le avventure di Merit ama cucinare e guardare i suoi programmi preferiti della TV. 
Ha esordito nel 2009 con il primo libro del ciclo dei Vampiri di Chicago (Alcune ragazze mordono) che è stato accolto con grande favore dalla critica e dai lettori. Di questo ciclo, sono seguiti Le ragazze mordono il venerdì notte, Il secondo morso, Il gioco si fa duro, Minaccia dal profondo, tutti pubblicati nella collana "Odissea Paranormal"

Altre informazioni su questa fantastica serie QUI